Aumenta la spesa per i pasti fuori casa, ma diminuisce il numero dei locali.

Seguite un corso di formazione della Team Management prima di aprire un locale.

Secondo i dati forniti da FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) nel Rapporto Ristorazione 2016 – la spesa reale nei pubblici esercizi è aumentata dello 0,9 % , ma al contempo nel settore della ristorazione 3,3 imprese, ogni 100 muoiono.

E ‘ questo il dato che emerge dalla fotografia scattata prendendo in esame 325.110 imprese attive nel settore della ristorazione. Nel dicembre 2015 come risulta dagli archivio delle Camere di Commercio su 16.000 nuove aperture 27.000 hanno cessato la loro attività con un saldo negativo che è pari a -11.000 unità, superiore a quello registrato nel 2014 quando toccò -10.290 unità.

Le regioni che hanno registrato il maggior numero di chiusure sono il Lazio, la Campania e la Sicilia. Ciò che si evince dall’analisi di questi dati è che solo in pochi riescono a tenere in piedi la propria attività, tant’è che nei 5 anni dalla nascita tre su quattro abbassano la saracinesca e di questi oltre il 45% non è riuscita a superare il terzo anno.

Le ragioni di questi fenomeni vanno ricercate oltre che nelle analisi macro-economiche, anche nel basso livello di professionalità che spesso accompagna chi si approccia a questo settore.

 

Il problema non è aprire un locale, ma mantenerlo in vita!

 

Tanti, forse troppi, si avventurano nel settore della ristorazione senza ala dovuta preparazione, che nei nostri corsi di Food and Beverage Manager trasmettiamo.

Corsi che si tengono sia in aula, con lezioni frontali a Roma, Milano e Torino. Gli stessi contenuti sono fruibili anche nella versione eLearnig per chi ha difficoltà’ a spostarsi in queste città’.
– Bisogna avere innanzitutto un approccio di tipo economico-amministrativo; conoscere cos’è un business plan (piano di conti) come si elabora, quali sono le spese certe che si dovranno affrontare (costi fissi) e le spese che invece risulteranno variabili per effetto dei consumi delle materie prime (costi variabili).
– Avere delle conoscenze basilari del marketing dei servizi, disciplina troppo spesso ignorata dai gestori; il marketing dei servizi è un condensato di conoscenze e pratiche professionali che va dalla comunicazione interna ed esterna alla promozione; dalla motivazione dei dipendenti alla loro capacità di vendita (selling-capacity).

Lo diciamo in tutti i nostri corsi di formazione per Food and Beverage manager:

PRIMA IL MERCATO, POI IL PRODOTTO!

Fare innanzitutto un’attenta analisi del mercato (inteso come territorio) nel quale si vuole investire, è fondamentale. Conoscere il numero dei competitor, quali saranno gli elementi di differenziazione tra la nostra e la loro offerta, domandarsi (quale sarà ala differenza, che farà la differenza?), conoscere i loro plus e minus, se ci sono i parcheggi, se ci sono nicchie di mercato non ancora esplorate (il biologico, il vegano, il gluten-free ecc.)

Per cui, prima di avventurarsi nel fantastico mercato della ristorazione è necessario avere un po‘ di preparazione, avere quei minimi rudimenti che permettono di rimanere sul mercato il più a lungo possibile. In fondo questa è la Mission degli imprenditori, creare e mantenere nel tempo un portafoglio clienti.

Contattami