Primo MASTER in MANAGEMENT ALBERGHIERO completamente in eLearning (video corso)

Sta riscuotendo un grosso successo il Master in Management Alberghiero proposto dalla Team Management a soli 59,00 euro.

Riceviamo feedback positivi da diverse parti d’Italia e anche dall’estero sia sui contenuti che sulla modalità di fruizione in eLearning.

I vantaggi dei corsi in eLearning sono numerosi:

– le lezioni si possono vedere tutte le volte che si vuole.
– sono fruibili da qualsiasi dispositivo (PC, tablet, smartphone, smart TV).
– le lezioni sono registrate con protocolli standard SCORM.
– i docenti sono professionisti del settore.
– si possono scaricare dispense o eBook per seguire le lezioni.

Il Master  è costituito da 4 corsi in eLearning del valore ognuno di 29,00 € per un totale di 116,00 euro + Libro in “Hospitality Business Coaching” del Dott. Emanuele Addabbo con un prezzo di copertina di 20,00 Euro che potrai scaricare direttamente in Pdf.

*Revenue Management di Franco Grasso (il maggior esperto italiano in Revenue Management)
*SPA Manager e Direttori Centri Benessere (+ sessione dedicata all’applicazione del Revenue Management nelle SPA)
*Food and Beverage Manager
*Business Coaching per l’ospitalità’  + libro in Hospitality Business Coaching


VALORE TOTALE DEL MASTER 4 CORSI + IL LIBRO = 136,00 euro

 L’OFFERTA PREVEDE LA POSSIBILITA’ DI ACQUISTARE TUTTO

A SOLI 59,00 euro significa OLTRE IL 50% DI SCONTO! 



Il corso si pone come obiettivo quello di fornire al discente una visione d’insieme degli strumenti basilari per una corretta gestione dell’azienda alberghiera con delle moderne tecniche di gestione manageriale orientate al rendimento.

Il Master si rivolge quanti vogliono specializzarsi a livello manageriale nella gestione alberghiera attraverso il moderno utilizzo del Revenue Management applicato a tutti reparti dell’albergo, dalle camere alla SPA e infine alla ristorazione. Si intende favorire lo sviluppo delle capacità manageriali insieme ad un approccio di tipo imprenditoriale. La metodologia didattica, eLearning permette di accedere alla video lezioni in maniera del tutto autonoma e senza vincoli di frequenza. Si potrà vedere il corso tutte le volte che si vuole da qualsiasi dispositivo, cellulare, tablet, pc.

Il Master ha l’obiettivo di preparare figure manageriali ad elevata qualificazione attraverso: lo sviluppo delle capacità di analisi, diagnosi e soluzione delle problematiche gestionali inerenti le diverse aree funzionali; l’approfondimento specialistico dei linguaggi, delle logiche e degli strumenti che consentono di ricoprire alcuni ruoli professionali del Management Alberghiero; un forte orientamento all’azione e al risultato.

Destinatari
Il corso si rivolge a quanti già operano nel settore ed intendono ricoprire quelle tipiche funzioni manageriali o a quanti intendono avviare un’attività di questo genere e sono sprovvisti di conoscenze empiriche che gli permettano di organizzare e gestire un pubblico esercizio.

Attestato di frequenza
Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione .

Docenti del master
Tutti i docenti dei corsi della Team management sono esperti professionisti della formazione e provengono da concrete e comprovate esperienze manageriali maturate sul campo in contesti nazionali ed internazionali. I profili di ciascun docente sono disponibili nel sito della Team Management.

Impresa 4.0 – Credito d’imposta per la ricerca e lo sviluppo.

Al Rework 2018 che si è tenuto a Roma il 2 e 3 marzo 2018 il Dott. Emanuele Addabbo nel suo intervento “Impresa 4.0 come finanziare Revenue e Tecnologie” ha illustrato come le imprese del settore turistico – alberghiero possono beneficiare degli incentivi fiscali previsti dal “Piano Nazionale Impresa 4.0” ormai entrato nella sua seconda fase, dopo l’approvazione della legge di stabilità del 2018.

Le imprese che effettuano investimenti in ricerca e sviluppo avranno la possibilità – per gli anni 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019 di ottenere un’agevolazione fiscale, sotto forma di credito d’imposta (fondo perduto) fino al 50% dei costi ammissibili. Il bonus è riconosciuto a tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni aziendali, dalla forma giuridica, dal settore di attività e dal regime contabile adottato.

 

Lo spirito che accompagna il Piano Nazionale Impresa 4.0, è quello di spingere le aziende di ogni settore e dimensione ad innovarsi nei metodi, nei processi, nelle nuove modalità di servizio avvalendosi della tecnologia oggi disponibile sul mercato.

Il meccanismo di calcolo del credito d’imposta è di tipo incrementale: spetta sulle spese sostenute in ciascun periodo di imposta agevolato in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nel periodo 2012, 2013 e 2014, ovvero dalla costituzione se questa è avvenuta da meno di tre anni. Il credito d’imposta spetta fino a un importo massimo annuale di 20 milioni per ciascun beneficiario ed è riconosciuto a condizione che la spesa complessiva per investimenti in ricerca e sviluppo effettuata in ciascun periodo d’imposta in relazione al quale si intende fruire dell’agevolazione ammonti almeno a 30.000 euro.

L’agevolazione ha carattere automatico: per ottenerla non occorre un’autorizzazione, ma è sufficiente indicarla nella dichiarazione dei redditi. È però fondamentale preparare con attenzione tutta la documentazione probatoria da mettere a disposizione dell’Agenzia delle Entrate in caso di controllo in loco. Per questo è indispensabili rivolgersi a professionisti preparati in grado di seguire tutto l’iter agevolativo con attenzione.

 

La TEAM MANAGEMENT affiancata da professionisti esperti nella materia, oggi è a disposizione di tutte quelle imprese che vogliono beneficiare degli incentivi previsti dal “Piano Nazionale Impresa 4.0”.

Le nuove frontiere della formazione: corsi di formazione in eLearning.

Una vera rivoluzione tecnologica sta attraversando il mondo della formazione, con l’avvento delle nuove tecnologie oggi è possibile formarsi anche standone comodamente seduti in ufficio davanti a un PC, un iPad o semplicemente rimanendo collegati al proprio cellulare mentre scorrono ininterrottamente le immagini di un corso in eLearning .

Si questo è il nome della nuova frontiera dei corsi di formazione in eLearning.

Con un prezzo accessibile a tutti (a soli 29,00 €) per un corso che ha una durata media di 5 ore, un accesso immediato alle video lezioni da una piattaforma nata per questo oggi buona parte degli operatori si formano con ogni tipo di dispositivo in loro possesso senza raggiungere aule sparse sul territorio, evitando costi di viaggio e tutto ciò che ne consegue in termini di costi (vitto, alloggio e altro) senza considerare il disagio di doversi assentare dal proprio luogo di lavoro e lontani dalla propria famiglia.

Diverse organizzazioni del settore turistico hanno ritenuto necessario creare delle vere e proprie infrastrutture (piattaforme online) dove caricano video-corsi e documenti per formare il loro personale, che dopo aver visionato i corsi e letto il materiale didattico che possono scaricare direttamente dalla stessa piattaforma, fanno dei test di apprendimento con domande chiuse e dal punteggio che emerge tracciano il loro livello di conoscenza del ruolo e delle competenze che questo richiede.

Team Management propone da qualche anno diversi corsi in eLearning e tra i più richiesti c’è il Master in Management Alberghiero inclusivo di 4 corsi:

Revenue Management di Franco Grasso
(il maggior esperto italiano in Revenue Management)

SPA Manager e Direttori Centri Benessere
(l’unico corso dove si parla di Revenue Management applicato alle nelle SPA e ai Centri Benessere)

Food and Beverage Manager

Business Coaching per l’Ospitalità (+ libro in Hospitality Business Coaching)

Le iscrizioni fioccano da ogni parte in ogni ora del giorno, in tanti ci chiamano per chiederci se stiamo pensando a nuovi corsi da metter sulla nostra piattaforma. Ci stiamo lavorando e a breve tra qualche settimana, finito il montaggio, caricheremo un altro corso in eLearning che avrà un sicuro successo.

Aumenta la spesa per i pasti fuori casa, ma diminuisce il numero dei locali.

Seguite un corso di formazione della Team Management prima di aprire un locale.

Secondo i dati forniti da FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) nel Rapporto Ristorazione 2016 – la spesa reale nei pubblici esercizi è aumentata dello 0,9 % , ma al contempo nel settore della ristorazione 3,3 imprese, ogni 100 muoiono.

E ‘ questo il dato che emerge dalla fotografia scattata prendendo in esame 325.110 imprese attive nel settore della ristorazione. Nel dicembre 2015 come risulta dagli archivio delle Camere di Commercio su 16.000 nuove aperture 27.000 hanno cessato la loro attività con un saldo negativo che è pari a -11.000 unità, superiore a quello registrato nel 2014 quando toccò -10.290 unità.

Le regioni che hanno registrato il maggior numero di chiusure sono il Lazio, la Campania e la Sicilia. Ciò che si evince dall’analisi di questi dati è che solo in pochi riescono a tenere in piedi la propria attività, tant’è che nei 5 anni dalla nascita tre su quattro abbassano la saracinesca e di questi oltre il 45% non è riuscita a superare il terzo anno.

Le ragioni di questi fenomeni vanno ricercate oltre che nelle analisi macro-economiche, anche nel basso livello di professionalità che spesso accompagna chi si approccia a questo settore.

 

Il problema non è aprire un locale, ma mantenerlo in vita!

 

Tanti, forse troppi, si avventurano nel settore della ristorazione senza ala dovuta preparazione, che nei nostri corsi di Food and Beverage Manager trasmettiamo.

Corsi che si tengono sia in aula, con lezioni frontali a Roma, Milano e Torino. Gli stessi contenuti sono fruibili anche nella versione eLearnig per chi ha difficoltà’ a spostarsi in queste città’.
– Bisogna avere innanzitutto un approccio di tipo economico-amministrativo; conoscere cos’è un business plan (piano di conti) come si elabora, quali sono le spese certe che si dovranno affrontare (costi fissi) e le spese che invece risulteranno variabili per effetto dei consumi delle materie prime (costi variabili).
– Avere delle conoscenze basilari del marketing dei servizi, disciplina troppo spesso ignorata dai gestori; il marketing dei servizi è un condensato di conoscenze e pratiche professionali che va dalla comunicazione interna ed esterna alla promozione; dalla motivazione dei dipendenti alla loro capacità di vendita (selling-capacity).

Lo diciamo in tutti i nostri corsi di formazione per Food and Beverage manager:

PRIMA IL MERCATO, POI IL PRODOTTO!

Fare innanzitutto un’attenta analisi del mercato (inteso come territorio) nel quale si vuole investire, è fondamentale. Conoscere il numero dei competitor, quali saranno gli elementi di differenziazione tra la nostra e la loro offerta, domandarsi (quale sarà ala differenza, che farà la differenza?), conoscere i loro plus e minus, se ci sono i parcheggi, se ci sono nicchie di mercato non ancora esplorate (il biologico, il vegano, il gluten-free ecc.)

Per cui, prima di avventurarsi nel fantastico mercato della ristorazione è necessario avere un po‘ di preparazione, avere quei minimi rudimenti che permettono di rimanere sul mercato il più a lungo possibile. In fondo questa è la Mission degli imprenditori, creare e mantenere nel tempo un portafoglio clienti.

Contattami

Video corsi di formazione

Video corsi, formazione in eLearning per le professioni turistiche.

Video corsi, formazione in eLearning per le professioni turistiche

 

I vantaggi della formazione in eLearning.

Ormai la formazione si fa sempre più online, via web, comodamente seduti a casa o in ufficio davanti al PC o mentre si sta viaggiando su un qualsiasi mezzo di trasporto: metro, treno, bus, pullman, con cuffiette al seguito e tra una stazione e l’altra scorrono slide, contenuti, immagini della lezione.

La rete sta cambiando anche il modo di fare formazione, eLearning è la nuova modalità con lezioni registrate in qualche studio di registrazione e fruibili ovunque, sempre.

Generalmente per i corsi certificati seguono dei test e alla fine di ogni lezione e una certificazione attesta l’avvenuto apprendimento e che il corso è stato seguito per intero e viene rilasciato un attestato.

Poi c’è la versione blended, quella erogata in parte in aula con lezioni dal vivo e l’altra parte in video lezioni.

I vantaggi che l’eLearning presenta sono numerosi:

– le lezioni si possono vedere tutte le volte che si vuole.
– sono fruibili da qualsiasi dispositivo (PC, tablet, smartphone, smart TV).
– le lezioni sono registrate con protocolli standard SCORM.
– i docenti sono professionisti del settore.
– si possono scaricare dispense o eBook per seguire le lezioni.
– il prezzo è veramente vantaggioso, grazie all’abbattimento dei costi logistici, dei trasporti e di vitto e alloggio per chi arriva lontano dalla propria residenza.

La TEAM MANAGEMENT ha prodotto diversi video-corsi per le professioni turistiche e dell’ospitalità, per Food and Beverage Manager , SPA Manager e Direttori di Centri Benessere, Revenue Manager per il settore alberghiero e un corso sullo sviluppo personale e sulla crescita professionale di “Business Coaching”.

La durata media di ogni corso in eLearning è di 4-5 ore suddiviso in capitoli tematici. I prezzi di acquisto sono al momento in offerta, a 29,00€ per ogni singolo corso, il pacchetto complessivo “Master in Management Alberghiero formato da 4 corsi è invece di 59,00€.

Buona visione a tutti!

Contattami

 

Seminario del Dott. Emanuele Addabbo alla BTM di Lecce venerdì 17 febbraio 2017

Anche i migliori hanno bisogno di un allenatore per tenere alte le performance, in qualunque campo. Emanuele Addabbo è Executive Coach di numerosi imprenditori e di manager con importanti ruoli di responsabilità in imprese del turismo e del mondo alberghiero. È autore del libro Hospitality Business Coaching e sarà ospite di #BTMPuglia2017 per parlare della creazione del valore economico nell’industria dell’ospitalità. Appuntamento a Lecce, dal 16 al 1 febbraio. Bio 👉 http://bit.ly/2jMoOyc Programma completo 👉 http://www.btmpuglia.it/programma/ C’è ancora tempo fino al 9 febbraio per registrarsi, gratuitamente, come visitatore 👉 www.btmpuglia.it #emanueleaddabbo . . . . . . #365giorniinPuglia #365giorninelsalento #BTMPuglia #SalentoReview #PasswordAD #OcchioalleSpiagge #lecce #apulia

Una foto pubblicata da BTM Puglia (@btm_puglia) in data:

Il libro del Dott. Emanuele Addabbo “Hospitality Business Coaching”

E’ appena stato pubblicato il libro del Dott. Emanuele Addabbo “Hospitality Business Coaching” edito dalla Wip Edizioni.

Il Business Coaching è una relazione professionale tra un Coach e il suo cliente, il coachee; è uno strumento per lo sviluppo e il miglioramento organizzativo. A differenza della formazione che avviene in un’aula, in un ambiente protetto, il Business Coaching, invece, interviene direttamente sul campo, nei luoghi di lavoro, dove l’agire si sostituisce alla dialettica e si traduce in azioni concrete da apportare all’interno della propria organizzazione modificando la sfera dei comportamenti produttivi. Il coaching può essere paragonato a ciò che i greci chiamavano la práxis (greco πρᾶξις) cioè l’agire in vista di uno scopo. Il coach aiuta il coachee (cliente) a guardare nella direzione giusta; a fissare lo sguardo su obiettivi che devono essere ben formati, ben definiti e coerenti con la Mission e la Vision aziendale (se ne esiste una!) Visualizzato l’obiettivo, definito lo scopo (in latino scopos, cioè tenere bene in vista, ciò su cui rivolgo lo sguardo) si stabiliscono i mezzi e i tempi per raggiungere tale risultato che poi saranno misurati sia in chiave economica che in chiave di benessere organizzativo (con un’attenta analisi del clima aziendale che si è venuto a creare grazie all’intervento del coaching sull’organizzazione).

 

ACQUISTA SUBITO IL LIBRO

Dott. Emanuele Addabbo :  Contattami

Piano Strategico del Turismo 2016 – 2025 Intervento del Dott. Emanuele Addabbo

Si è tenuto a Foggia il 14 aprile 2016 il primo dei tre incontri previsti per raccogliere proposte per la formazione da inserire nel “Piano Strategico del Turismo 2016 – 2025” per la Puglia.

Ecco l’intervento del Dott. Emanuele Addabbo della Team Management Coaching che rappresentava l’Associazione Albergatori di Gallipoli (LE) “Puglia Bella” che ha realizzato un primo percorso di formazione in aula, con la HOSPITALITY SCHOOL di Gallipoli,  per acquisire le competenze di base gli addetti all’ospitalità, con varie qualifiche, da assumere per la stagione estiva 2016 nelle loro strutture ricettive di Gallipoli.

Il primo percorso di formazione si è svolto a Gallipoli durante il mese di marzo 2016, ha visto la partecipazione di 64 studenti e l’attività di formazione si è svolta nelle stesse strutture ricettive di Gallipoli.

 

1° Parte dell’intervento

 

 

2° Parte dell’intervento

 

La forza delle decisioni

La forza delle decisioni…un video da non perdere.

Buona visione !

Il Target group di un evento

Ogni evento deve essere indirizzato ad uno specifico segmento di pubblico.
I due principali criteri di suddivisione nella segmentazione dei pubblici sono:
– parametri socio-demografici (parametri classici: fasce d’età, sesso, fascia di reddito, composizione nucleo familiare, ecc.)
– parametri psico-grafico (raggruppamenti per stili di vita, detti Cluster).

Viene stabilito in base a tre principali categorie:
 il target di consumo (che utilizza il servizio);
 il target di acquisto (che materialmente compra il servizio);
 il target ” influente d’acquisto” (che suggerisce il comportamento).

A volte, queste tipologie si assommano nello stesso target, in altri casi sono ben differenziate. Ad esempio, se il servizio da comunicare al pubblico fosse un corso di formazione d’inglese svolto sotto forma di sessioni “full- immersion” in Inghilterra, i rispettivi target group sarebbero:
• Target group di consumo: giovani dai 14 ai 22 anni interessati allo studio delle lingue;
• Target d’acquisto: le rispettive famiglie che materialmente sovvenzionano il corso;
• Target influente d’acquisto: insegnanti o altre famiglie che hanno già sperimentato l’iniziativa.

I parametri socio-demografici suddividono il pubblico in:
• fasce di età
• sesso
• attività
• composizione del nucleo familiare
• reddito/annuo
• dimensione del centro abitativo.

I parametri psicografici aggregano i consumatori in relazione alle loro attività, ai loro interessi e alle loro opinioni. Tra le molte ricerche esistenti, due sono più interessanti di altre: SINOTTICA (indagine svolta dall’EURISKO su 14 cluster rilevati annualmente su un campione di 5.000 italiani) e EURO-SOCIO STILI della AUDIPRESS (modelli europei rilevati su quasi 40.000 italiani).
Ecco una sintesi dei cluster di Sinottica:
1) Liceali: Giovani studenti della classe media che vivono in modo spensierato, pur essendo condizionati dal bisogno di appartenere a un gruppo ben individuabile. La loro giornata si divide tra scuola e amici, svaghi e sport. Fortemente condizionati dalla pubblicità, hanno una concezione cosiddetta leggera del denaro, che serve soprattutto per aggiornare l’abbigliamento.
2) Delfini: Rappresentano la gioventù dorata, che dispone di denaro, cultura e energie. Segni distintivi: curiosità, apertura verso il nuovo, voglia di capire e divertirsi. Forte attenzione verso l’apparire mediante l’uso del corpo (anche ostentatamente) tramite l’essere in perfetta forma fisica e con un abbigliamento che esprima l’appartenenza a una élite.
3) Spettatori: per loro la vita significa soprattutto lavoro, abitudini semplici, star insieme agli amici per parlare di sport. Con scarsi strumenti culturali a disposizione, si rivelano facili prede dei più effimeri miti consumistici dei mass media. Alto consumo di alcolici, frequente uso del dopobarba; calcio e bar riassumono il loro modo di essere e spendere.
4) Arrivati: sono le persone che hanno per così dire vinto; le loro caratteristiche sono tutte più. Avevano strumenti ( ricchezza e istruzione) e li hanno sfruttati al meglio. Lavorano e viaggiano molto, leggono, si tengono informati, partecipano alla vita socio-politica. Interpretano la posizione raggiunta attraverso vestiti e accessori eleganti, gioielli di valore, pranzi al ristorante, auto.
5) Impegnati: hanno posto la cultura e la conoscenza al di sopra del denaro e del successo, che pure non mancano. Intellettuali e raffinati, privilegiano i consumi culturali, non ostentano la loro agiatezza economica, vestono sobriamente.
6) Organizzatori: affidano al lavoro forti aspettative di realizzazione, sia economiche, sia di promozione sociale. Competitivi e dotati di iniziativa, riescono nelle libere professioni e nelle attività autonome. Orologio di valore e auto di grossa cilindrata sono comunque alcuni dei simboli ostentativi del loro benessere.
7) Esecutori: concentrano tutto il tempo e gli interessi sulla famiglia e sul lavoro. Il modello di consumo è essenziale, privo di contenuti culturali. Alla moglie è affidata la gestione del modesto budget familiare.
8) Colleghe: Il doppio ruolo professionale e di massaia è colto da questo cluster di donne giovani e adulte con un’occupazione impegnativa fuori casa e con molto altri impegni personali e familiari da affrontare, primo tra tutti quello dei figli. Tipico di questo stile il tentativo, non sempre riuscito, di conciliare evasione (svaghi, divertimenti) ed impegno (letture, cultura).
9) Commesse: spesso svolgono un lavoro poco qualificato a cui assegnano principalmente lo scopo di procurarsi un reddito. I loro interessi sono rivolti altrove: divertirsi, uscire la sera, stare in compagnia. Investono in modo sensibile nella cura della persona e nell’abbigliamento, pur non disponendo di reddito elevato.
10) Raffinate: sono le casalinghe generalmente definite “bene”, autentiche signore. Condizione economica e cultura le rendono attente alla casa e alla famiglia, ma anche all’immagine di se stesse. Privilegiano i prodotti di marca sinonimo di affidabilità.
11) Massaie: tutte casa e famiglia, vivono in funzione dei figli e della casa. Non mostrano praticamente altri interessi; unici strumenti di evasione: televisione, fotoromanzi, romanzi sentimentali. Le loro scelte di consumo sono guidate dall’esigenza di soddisfare i gusti dei figli e del marito.
12) Avventati: con il denaro e il mondo dei consumi hanno un rapporto problematico e conflittuale. Marginalità culturale e isolamento sociale li spingono ad un’impossibile ricerca di affermazione attraverso consumi che superano le loro disponibilità.
13) Accorti: interpretano (improntato a regolarità e parsimonia) lo stile tipico di buona parte degli uomini anziani. I loro interessi e attività sociali sono drasticamente ridotti, ma più per limitazioni oggettive (scarsi mezzi, età) che per mancanza di curiosità. Il reddito modesto viene amministrato saggiamente.
14) Appartate: costituiscono quasi il 20% della popolazione e danno corpo ad un gruppo sociale composto in prevalenza da donne anziane, drammaticamente condizionato da risorse limitate. Entrano in contatto con il mondo esterno tramite la televisione.

 

Dott. Emanuele Addabbo :  Contattami