vince chi comunica meglio

Come comunicare in modo efficace

La comunicazione oggi è uno dei pilastri fondamentali sui quali costruire una gestione produttiva ottimale presso aziende e organizzazioni di diversa natura. Tuttavia, proprio la comunicazione rappresenta una delle maggiori difficoltà per tutti coloro che, ogni giorno, si impegnano a gestire e coordinare progetti e gruppi di lavoro complessi, talvolta con prestazioni e risultati poco brillanti. Il problema, molto spesso, è proprio nella mancanza di un modello di comunicazione realmente efficace e condiviso.

Cosa non funziona nella comunicazione?

Comunicare non significa solo proferire parole, scrivere messaggi o pubblicare immagini o video; comunicare vuol dire soprattutto essere capaci di portare l’immaginario di chi ascolta quanto più vicino possibile alla visione di chi comunica. Molti imprenditori, manager, direttori – o chiunque ricopre ruoli gestionali sul lavoro – hanno vistose lacune da questo punto di vista: la loro comunicazione non coinvolge, non valorizza, non trasferisce e non esprime adeguatamente concetti e i loro contenuti finiscono per comunicare tutt’altro, spesso in chiave negativa.

La bontà della comunicazione è quindi determinata da ciò che il destinatario percepisce, considerando soprattutto il carico emozionale che essa produce. Pessima gestualità; assenza di introduzione, sviluppo e chiusura di un argomento; timbro di voce inadeguato; mancanza di enfasi; incapacità di sottolineare i passaggi nodali; discorsi sconnessi; assenza di linearità nell’esposizione: sono solo alcune delle difficoltà legate al modo di comunicare che, sommate tutte insieme, rendono una comunicazione pessima ed inefficace, producendo talvolta effetti totalmente opposti rispetto a quelli desiderati.

Come si configura una comunicazione efficace?

Da alcuni studi condotti su ‘aggregati di esseri viventi’, come ad esempio gli stormi di specie volatili o le squadre sportive professionistiche, si è notato come l’efficacia della comunicazione nel gruppo è un fattore determinante che assicura sopravvivenza nel regno animale e successo e buone prestazioni per le squadre impegnate in competizioni sportive.

Lo stesso concetto di ‘buona comunicazione nel gruppo‘ può essere trasferito ed applicato in tutte le aziende che hanno necessità di mettere in piedi sistemi produttivi che coinvolgono ed interconnettono diverse figure professionali per la realizzazione del prodotto e/o del servizio che si intende offrire al cliente, come succede ad esempio nel settore dell’ospitalità turistico-alberghiera. Quando in un team di lavoro la comunicazione funziona ed è strutturata in maniera tale da consentire l’invio di notifiche e la ricezione di feedback in tempo reale, sicuramente si produrranno anche delle ottime prestazioni professionali da parte di tutti i membri del team; viceversa, laddove la comunicazione non consente tutto questo, il rischio concreto è quello di produrre prestazioni professionali scarse, disinteresse e disorganizzazione generale.

Uno strumento molto utile per costruire un modello di comunicazione aziendale efficace e vincente può essere il business coaching: l’obiettivo principale di questa pratica consiste nell’accompagnare il team verso la migliore performance collettiva possibile, verificando puntualmente che la comunicazione nei gruppi di lavoro sia scorrevole e funzionale, senza errori formali o metodologici; quando emergono tali aspetti che minacciano e limitano il processo comunicativo all’interno di un team, è fondamentale sottolinearne la pericolosità in merito ai danni che essa può provocare in termini di prestazioni e, dunque, di rendimento.

Quanto è importante saper comunicare efficacemente?

Saper comunicare sicuramente è una delle abilità professionali più richieste in tutto il mercato del lavoro, in quanto la comunicazione è fondamentale per lo svolgimento corretto di tutte quelle mansioni che manifestano effetti immediati in tutta l’organizzazione aziendale, osservando ad esempio alcuni parametri chiave come la valutazione delle prestazioni dei dipendenti, il rendimento economico (in termini di vendite e fatturato) e la soddisfazione dei propri clienti.

Saper comunicare è inoltre un fattore importantissimo non solo per la comunicazione aziendale interna, relativa dunque a tutte quelle pratiche comunicative che consentono la condivisione di informazioni, l’assegnazione di compiti e lo scambio di feedback tra tutti i dipendenti che contribuiscono alla produttività aziendale, ma anche per la comunicazione dell’azienda verso l’esterno funzionale alla promozione e alla cura della brand reputation mediante la pubblicità, l’impiego di strategie di marketing e digital marketing e, naturalmente, il passaparola.

Come si comunica efficacemente?

In sintesi, per comunicare con efficacia basta seguire alcune semplici regole:

  • avere ben chiaro l’oggetto della comunicazione, ovvero ciò che si intende comunicare;
  • chiarire gli obiettivi della comunicazione, ovvero ciò che si intende ottenere;
  • determinare bene le tempistiche, ovvero in quanto tempo si attendono i risultati;
  • utilizzare sempre un linguaggio corretto, pulito ed adeguato al tipo di comunicazione;
  • esprimere i propri contenuti facendo un uso moderato di enfasi e altre figure retoriche.

Comunicare bene fa tutta la differenza del mondo. Una buona comunicazione qualifica positivamente chi espone, conferma il suo ruolo di guida e leader all’interno di uno o più gruppi di persone, valorizza la sua azienda e i suoi prodotti. Non bisogna mai sottovalutare l’importanza di una buona comunicazione, in qualsiasi settore: nella vita, nel business, nello sport…vince chi comunica meglio!

 

Scopri di più sul business coaching con il nostro corso dedicato.

Approfondisci le tematiche del business coaching nell’industria dell’ospitalità con il nostro e-book.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento