Recensione del libro “Fatti il letto” di William H. McRAVEN (ed. Piemme 2017)

 

Questa notte sono andato a letto alle 03:00. Mi ha inchiodato alla mia scrivania la lettura di un libro a cui di primo acchito non avevo riconosciuto il suo magnetismo. E’ uno di quei libri che compri, per la loro dimensione e per il fatto di poterlo fare viaggiare con te comodamente.

Mi ha incuriosito il fatto che fosse classificato tra i bestseller mondiali tradotto in 24 lingue. L’autore l’Ammiraglio William H. McRAVEN è un ex ufficiale dei Navy Seals e dopo una lunga carriera spesa in diverse missioni su campi di guerra è attualmente rettore di quindici università del Texas.

Ma veniamo al libro. “Fatti il letto” (ed. PIEMME 2017) diventato un bestseller mondiale, è suddiviso in 10 brevi capitoli, ognuno dei quali (prendendo spunto da aneddoti e fatti veramente accaduti, sia durante le fasi di addestramento che sui campi di battaglia) enuncia un principi, verità incontrovertibili che saranno indispensabile per la sopravvivenza di questi invincibili combattenti, ma lo sarà anche nella loro vita da civili.

I lettori come me, invece, troveranno diversi spunti di riflessioni su fatti e vicende veramente accaduti nelle loro esistenze; questo spiega la diffusione del libro a livello mondiale. Perché ognuno di noi alla fine si riconosce nei Seals, ma a differenza loro, non ha avuto “la fortuna” di frequentare l’accademia di Coronado a San Diego in California. Arriva nel mondo da impreparato, in attesa che si compia le beata speranza, e vi troverà invece, il più insidioso dei campi di battaglia.

Leggete il libro dell’Ammiraglio McRAVEN, i suoi spunti sono interessanti, i principi enunciati lo sono ancora di più. E’ un libro che alla fine ti incoraggia, ti aiuta a non sentirti solo sul campo di battaglia, e forse rivedere le tue sconfitte alla luce delle sue narrazioni aiuta a rivisitarle e probabilmente comprendi che, anche tu, come ogni Seal, sei chiamato ogni giorno a portare a termine bene un compito ben fatto, se vuoi che la tua vita diventi ordinata in un mondo caotico.

Pertanto, la mattina comincia a “rifarti il letto”.

Emanuele Addabbo