Articoli

Un locale si definisce in base alla sua tipologia di clientela, la sua domanda diventa l’offerta!

Molti locali hanno un’offerta ibrida, non sono ben caratterizzati, ben definita…per cui un locale orientato a una clientela giovanile si ritroverà presto ai suoi tavoli famiglie con bambini, che schiamazzano su e giù per la sala. Ma anche per quanto riguarda i loro menù saranno inadeguati se il target non è ben definito.

E’ il caso dei tanti locali “PIZZORANTE” dove ce ne per tutti i gusti, dai più piccoli ai più grandi, con prezzi trasversali che attraversano ogni fascia di clientela.

La definizione del TARGET e la corrispondente offerta in linea con le attese della clientela è alla base delle strategie di marketing per l’affermazione di un locale, altrimenti si va fuori mercato.

Questo concetto per quanto basilare e scontato troppo spesso è trascurato, nella fase di progettazione dell’attività, ma anche nella sua gestione. Sovente accade che un locale dopo che lo si è aperto subisce delle modifiche, ai banconi, al forno per la pizzeria, perché nel frattempo ci si è accorti che la clientela a cui ci si voleva rivolgere inizialmente, non entra in quel locale, ne arrivano altri di tutt’altra tipologia.

Un’analisi della tipologia di mercato al quale ci si vuole rivolgere, è necessaria, da questa definizione dipenderanno tutta una serie di strategie, dalla comunicazione al menù, dal tipo di personale che dobbiamo cercare alla carta dei vini.

Il TARGET prima di tutto, come ci hanno insegnato nelle università negli anni ’80 quando si accennava qualcosa sul marketing e dei servizi e della ristorazione. Ma vedo, come dopo un trentennio, nulla è cambiato, continuano ad aprirsi locali generalisti, per tutti i gusti, siano essi bar, pizzerie, ristoranti …
In un locale la tipologia della domanda diventa l’offerta.

Tutti questi temi li affrontiamo nei nostri corsi in eLearning.

PILLOLE DI COACHING: Un locale di successo, ha bisogno di fare comunicazione verso l’esterno?

Paul Watzlawick nel suo testo del 1967 sulla “Pragmatica della comunicazione” (ed. Astrolabio) individua i 5 assiomi della comunicazione:

1 – L’impossibilità di non-comunicare
2 – Livelli comunicativi di contenuto e di relazione
3 – La punteggiatura della sequenza di eventi
4 – Comunicazione numerica e analogica
5 – Interazione complementare e simmetrica

Asserisce al primo assioma che: Non è possibile non comunicare!

Nel mondo della ristorazione tutto, comunica: ciò che mangi, il personale, la location, il livello dell’accoglienza…

Uno dei metodi di comunicazione di maggior efficacia per un locale è il PASSAPAROLA, tant’è che il locali molto affermati trascurano la comunicazione verso l’esterno.

Nell’era della web-communication questo è un errore imperdonabile. Ogni locale dovrebbe avere il proprio sito, collegato a tutti i canali social e un brand a forte impatto, vibrante di quei valori che rappresenta.

Nella pillola di coaching sulla comunicazione verso l’esterno, il Dott. Addabbo esprime il suo parere in proposito.

Per ogni approfondimento sul tema della comunicazione nella ristorazione, segui il corso in eLearning per Food and Beverage Manager