Articoli

Come gestire i dipendenti

Gli uomini per natura configgono, soprattutto nei luoghi di lavoro. Il parlar male l’un dell’altro, esercitare la prevaricazione, il pettegolezzo diffuso, la cattiveria che ammorba gli ambienti sono le condizioni permanenti che connotano la maggior parte degli ambienti di lavoro. Luoghi dove si produce sofferenza, incomprensione, dove le individualità sono prima offuscate e poi cancellate.

Tutti contro tutti !

Ho visto molte organizzazioni bloccate su se stesse, incapaci di dialogare, di incontrarsi, di conoscersi, di approssimarsi l’un all’altro, si, perché nel luogo dove si lavora la dimensione umana, fatta di stati d’animo, sentimenti, emozioni è ridotta a ruolo, a funzionario dell’apparato produttivo; ciò che conta sono le competenze, ciò che sai fare, non ciò che sei e che puoi ancora diventare.
Sono organizzazioni che non hanno mai avuto un’anima, e semmai l’avessero mai posseduta è stata prontamente barattata con il profitto, in nome del quale tutto è concesso e permesso. Sono organizzazioni che implodono su se stesse, che si rinchiuderanno prima o poi come un fiore che appassisce.

Ma cosa manca in questi gruppi di lavoro? Cosa li può far sbocciare e proliferare …?
Ma sicuramente un credo condiviso, che li accomuna, che li distingue, in cui i gruppi convergono intorno a dei valori condivisi e nei quali riconoscersi; individui che hanno imparato a stare assieme, a dialogare, a parlarsi serenamente, a condividere, a progettare e a realizzare, tutti insieme. Anche se è  difficile tenerli tutti assieme, è come cercare di mettere in fila dei gatti, ma si può fare! E’ un lavoro duro, serrato, ma dev’essere costante. Le organizzazioni non possono essere abbandonate a se stesse, in cui non si ha cognizione della loro storia, del loro percorso, del loro obiettivo, di quali sono i loro valori, la loro missione.

Vanno istituiste dei percorsi di relazione, dove imparare a dialogare, a confrontarsi, a gestire i conflitti e a chiarire le incomprensioni. Un luogo dove le persone si incontrano, consapevoli della difficoltà della relazione, ma anche della loro necessità. Relazioni liberate dai conflitti emozionali, dalle tensioni individuali, dalle cattive interpretazioni; se non lo si fa, si rischia di rimanere a lungo assorbiti da sentimenti di acredine, di rivalsa degli uni contro gli altri.

E si perde di vista lo scopo, quelle che li accomuna: creare la comunità tesa a progettare, a produrre, a saper leggere le aspettative dei clienti e a saperne interpretare le esigenze.

Dott. Emanuele Addabbo : Contattami

Dieci punti fondamentali per il tuo successo nella ristorazione!

Se operi nel grande mercato della ristorazione, oggi vorrei darti qualche suggerimento su come migliorare il tuo business.

Ovviamente, non esiste nessuna formula magica o regole certe che possano garantire il successo di un locale che opera nella ristorazione; ma orientamenti, intuito, buon senso, capacità previsionale. Questo è ciò che fa la differenza tra un buon imprenditore e un cattivo imprenditore. Se tutto fosse oggettivo e prevedibile, non si spiegherebbe perché ogni anno molte imprese escono dal mercato.

Solo nel dicembre 2015 come risulta dagli archivio delle Camere di Commercio su 16.000 nuove aperture 27.000 hanno cessato la loro attività con un saldo negativo pari a -11.000 unità, superiore a quello registrato nel 2014 quando toccò -10.290 unità.

Nella mia lunga esperienza di coach, formatore e consulente maturata in questo settore, ho visto molte attività avere un successo inspiegabile, altre invece, per quanto attente ad ogni singolo dettaglio fallire miseramente. Come dicevo, non ci sono “regole certe”, ricette facili, formule magiche, ritengo invece che, ci siano dei punti fondamentali a cui dobbiamo attenerci non per avere successo, ma per evitare il fallimento, che di per se è già un ottimo risultato…

Ecco dieci punti molto importanti:

1) Scegli prima il mercato poi il prodotto. Questo è uno degli errori più comune di chi avvia un’attività. Assicurati che il tuo locale sia visibile, facilmente raggiungibile e che sia facile trovare parcheggio. Aprilo in un posto nevralgico, ad alta frequenza di passanti.
2) Analizza bene i tuoi concorrenti valutando: prezzi, servizi, prodotti, comunicazione interne ed esterna, il loro personale e il livello di flusso di clientela che sono in grado di attirare. Studia il mercato, la capacità di spesa della tua clientela, osserva il quadro macro-economico.
3) Formula un’offerta che ti distingua dalla tua concorrenza e che abbia dei tratti distintivi e visibili, per la capacità di presentare le tue proposte, cura i dettagli, il packaging. Tieni sempre qualche prodotto in promozione o un’offerta speciale.
4) Assicurati che il personale di contatto abbia facilità nei rapporti con la clientela, che abbia un aspetto curato e la divisa in ordine. Ricordati che sono le persone a cui hai delegato la funzione più importante “la vendita” cioè, generare risorse economiche necessarie per la sopravvivenza della tua azienda, per cui misura con strumenti idonei, (Keys performing sales indicators) la loro capacità di vendita.
5) Scegli un buon design, curato nei dettagli, assicurati che gli spazi dedicati alla vendita sia proporzionali a quelli destinati alla produzione o ai laboratori. I tuoi dipendenti dovranno passare molte ore in quel posto. Cura gli odori, la luce degli ambienti, abbi sempre un po’ di musica come sottofondo, accertati che le toilette siano sempre tenute in ordine e pulite.
6) Fai una buona selezione dei prodotti e di ciò che sei in grado di offrire. Chiediti sempre: a me piace? Io lo mangerei? Il prezzo è adeguato? Se non sei sicuro della risposta lascia che sia una persona di cui ti fidi a testare il prodotto, senza che sia influenzato dal vostro rapporto personale. Proponi cose veramente buone, che chiunque vorrebbe mangiare.
7) Elabora un budget, tieni sempre sotto controllo i tuoi costi più importanti: il personale e il costo delle materie prime. Ma senza esagerare. Perché i costi diventano un problema quando perdi di vista i ricavi. Concentrati invece sulle vendite, migliora la tua offerta, le tue proposte, sii accattivante nelle offerte … il resto verrà da se.
8) Sii digital, abbi un sito web, curato nei dettagli, fatto bene con una grafica di qualità, apri una pagina Facebook, pubblica le tue foto su Instagram, non trascurare le tante possibilità che hai di prendere prenotazioni o di vendere online. Il web è ricco di opportunità.
9) Gestisci bene il tuo personale scrivi le job description (mansionario), organizza bene i loro orari di lavoro, evita sovrapposizioni di competenze, cura il tuo rapporto con loro, dai loro dei benefit, ascolta i loro suggerimenti. Sii un grande motivatore.
10) Non sentirti mai arrivato sei solo all’inizio di un percorso che non termina mai; è quello che fai ogni giorno che deve piacerti, deve appassionarti e coinvolgere profondamente, perché sarà solo la tua passione per quello che fai ad assicurarti il successo.

Altri elementi potrebbero essere aggiunti, ma credo che già attenersi a queste semplici indicazioni ci mette sulla buona strada…

Contattami

Il coaching nella sottile arte della ristrutturazione

Non vediamo le cose per come sono, ma per come siamo!

Ognuno di noi ospita dentro di sé delle convinzioni sulle proprie capacità e stabilisce con queste una relazione significativa. L’origine di queste convinzioni può nascere da svariate situazioni o circostanze, ma una volta che si sono radicate dentro di noi agiscono condizionando scelte e comportamenti. Il loro agire è silenzioso, profondo, impercettibile, ma agiscono sempre, come un filtro che condiziona sia le percezioni che le azioni. Influenzano anche la comunicazione, per cui molte volte si attivano pregiudizi confermativi sia nell’esposizione che nella ricezione.

Tutto questo naturalmente agisce in ogni singolo individuo che poi trasferisce all’intera organizzazione.

L’organizzazione, cioè la somma dei singoli individui, vede ostacolato il suo percorso di crescita e sviluppo dai condizionamenti depositati nel singolo.

Le tipiche espressioni verbali delle persone affette da convinzioni riduttive, sono:

“da noi qui non cambierà mai nulla”;
“nooo.. qui no, non si può fare!”
“E’sempre stato così…”

Va da se che il cambiamento e la mutazione permanente di tutte le cose non risente delle resistenze psicologiche delle vittime di queste convinzioni.

Ma vediamole più nel dettaglio.

Le convinzioni possono essere di tre tipi:

PARASSISTICHE (danneggiano la salute del portatore)
CONVIVIALI (benefiche alla salute del portatore)
COMMENSALI (neutre)

Il Business Coach interviene per sradicare le convinzioni che permeano le organizzazioni e liberare il loro potenziale creativo, organizzativo, commerciale ecc. Senza l’intervento esterno di un Coach Professionista le comunità produttive rimarrebbero avvolte in convinzioni limitanti, pregiudicando il loro sviluppo e la loro crescita.

Naturalmente ci vuole capacità d’ascolto, sensibilità, un adeguato uso dei linguaggi e tecniche di diagnosi sulla salute dell’organizzazione che indicano lo stato di consapevolezza che la comunità ha di sé.

Dott. Emanuele Addabbo :  Contattami

La definizione di Coaching

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esiste una bibliografia sterminata sul coaching con

decine di definizioni e di comparazioni con metodologie
affini o contigue, la parola non è stata tradotta, e
questo è significativo, viene inoltre usata in molte accezioni
diverse.
Si riportano quindi 3 definizioni complementari illustrando
i motivi di una scelta che è sicuramente solo
una delle tante possibili.

La prima definizione è quella di ICF – International
Coach Federation – la più grande associazione di coach
professionisti al mondo che attraverso i suoi
20.000 associati presenti in oltre 100 Paesi, si occupa
di favorire il progresso dell’arte, della scienza e
della pratica del Coaching Professionale.
ICF definisce il coaching come una partnership con
i clienti che, attraverso un processo creativo, stimola
la riflessione, ispirandoli a massimizzare il
proprio potenziale personale e professionale.

La seconda definizione è dovuta a Timothy Gallwey
citato da Sir John Whitmore: sbloccare il potenziale
di una persona per massimizzare le prestazioni…
non insegnando ma aiutando ad imparare.
Questa definizione, generata da chi per primo ha utilizzato
il coaching in ambito sportivo, rende chiaro
che il coaching ha come scopo primario il miglioramento
della performance e che il coach non è un docente
o un esperto ma qualcuno accompagna nell’apprendimento
creando le opportune condizioni.

La terza definizione, tratta dal sito www.coachinginsider.
com illustra in termini semplici e chiari come
avviene concretamente una sessione: il processo di
coaching è fondamentalmente una conversazione,
un dialogo tra coach e cliente in un contesto produttivo
ed orientato al risultato. Una conversazione
in cui, ponendo le domande giuste al momento
giusto, il coach incoraggia ed aiuta a considerare
prospettive e strategie diverse.
In questo caso è utile sottolineare la necessità di “un
contesto produttivo ed orientato al risultato” che indica
la necessaria volontà del cliente verso il risultato che
lo rende anche responsabile del suo conseguimento.
Per analizzare l’utilizzo pratico del coaching può essere
utile approfondire i dati di una ricerca compiuta
di recente interpellando coach, specialisti di risorse
umane e business leader.

 

Dott. Emanuele Addabbo :  Contattami

Cosa fa un “Business Coach” in azienda

Il Coach, è un costruttore di trame, aiuta a ridefinire i significati, infonde fiducia nelle persone, incoraggiandoli ad andare oltre, anche quando tutto intorno gli suggerisce di abbandonare.

Sostiene il “Manager” a mettere le idee in ordine e poi a realizzarle comunque, indipendentemente dal risultato.

Perché è solo facendo che si impara e si ottiene qualcosa, anche se i risultati non corrisponderanno alle attese. “Impariamo facendo”, è l’invito che il Coach rivolge ai suoi coachee.

Accettare la sfida che la circostanza impone è l’unico modo per conoscere quanto si vale davvero.

Se c’è un passato da un potente flusso negativo che ammorba l’intero ambiente, bisogna intervenire narrando un futuro diverso, rigoglioso e prospero, vissuto nell’immaginazione anticipatrice, da cui scaturiscono tutte le forze interiori affinché qualcosa avvenga, qualcosa di diverso.

ASCOLTARE – DIALOGARE – DARE FEED BACK POSITIVI è la prima parte di un processo che si deve riattivare.

Ascolto attivo, non passivo!

Attenzione ai bisogni e alle istanze di tutti, a cominciare dai clienti. Un cambio di rotta, di prospettiva diversa, passare dall’ascolto dei proprio bisogni a quelli degli altri, che realizzano i nostri obiettivi, con il nostro supporto.

Dott. Emanuele Addabbo :  Contattami